? #howto – Installazione di Flatpak e configurazione di Flathub

Flatpak è un formato pacchetto sempre più diffuso in Linux.

Si tratta di un ambiente sandbox particolarmente responsivo che permette l’esecuzione di applicazioni isolate dal sistema. L’integrazione è totale, è possibile infatti lavorare con i file di sistema, accedere alle periferiche e sfruttare lo stesso tema in uso dal desktop environment.

Flathub è la repository software più generosa al momento, offre una vasta quantità di applicazioni pronte all’uso in formato Flatpak.

Installazione

Per prima cosa vediamo come installare Flatpak nelle principali distribuzioni.

Debian/Pop!_OS/Ubuntu e flavours

Per quanto riguarda Ubuntu, Kubuntu, Xubuntu, Lubuntu e gli altri membri della famiglia, troviamo Flatpak nelle repository di sistema, facilmente installabile tramite apt:

sudo apt install flatpak

in questo modo sarà possibile sfruttare a pieno flatpak una volta riavviato il sistema.

Nel caso di GNOME Software presente nel sistema, possiamo installare un plugin che permette l’installazione facilitata delle flatpak direttamente dallo store:

sudo apt install gnome-software-plugin-flatpak

openSUSE

Possiamo installare flatpak tramite il gestore pacchetti di sistema, zypper:

sudo zypper install flatpak

riavviamo il sistema per renderlo operativo.

Arch Linux e derivate

Possiamo installare flatpak direttamente dal gestore pacchetti pacman:

sudo pacman -S flatpak

elementary OS

Per prima cosa installiamo gli strumenti necessari ad aggiungere repository di terze parti:

sudo apt install software-properties-common --no-install-recommends

e aggiungiamo la repository di flatpak:

sudo add-apt-repository ppa:alexlarsson/flatpak

per poi installare:

sudo apt update
sudo apt install flatpak

come per le altre distribuzioni, riavviamo per renderlo operativo.

Clear Linux

Possiamo procedere con l’installazione dalle repository di sistema, tramite il gestore dei pacchetti swupd:

sudo swupd bundle-add desktop

riavviamo il sistema per renderlo operativo.

Solus

In Solus è necessaria l’installazione di un secondo pacchetto ossia xdg-desktop-portal-gtk per il corretto funzionamento di Flatpak:

sudo eopkg install flatpak xdg-desktop-portal-gtk

riavviamo il sistema per renderlo operativo.

Se la tua distribuzione non è presente in questa guida, probabilmente perchè Flatpak è già presente come standard.

C’è da tenere in considerazione che nonostante la sua presenza da diversi anni, è comunque un pacchetto giovane e spesso necessita di una distribuzione recente e aggiornata per funzionare.

Configurazione di Flathub

Il comando flatpak offre la flag remote-add per l’aggiunta di repository al sistema, sfruttiamola per aggiungere Flathub:

flatpak remote-add --if-not-exists flathub https://flathub.org/repo/flathub.flatpakrepo

Possiamo installare nuovo software tramite il portale Flathub (qui, premendo sul pulsante Install presente nella pagina di ogni applicazione) o tramite flag install del comando flathub:

flatpak install com.spotify.Client

nell’esempio qui sopra installiamo il client Spotify per Linux.

In alternativa è possibile installare software tramite GNOME Software se presente il plugin gnome-software-plugin-flatpak, normalmente presente nelle repository di sistema e preinstallato nell’ambiente GNOME.

 

Per dubbi e chiarimenti, fate accesso al nostro gruppo Telegram.

Good *nix _Mirko

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *